CPO Rules - l'eProcurement che hai in testa!

Tipologia
Notizia
Data
10/06/2020

Dall’esperienza di Studio Amica nel settore dell’e-public procurement con il software TuttoGare, nasce la piattaforma di e-procurement CPO Rules.

Un software innovativo che unisce il meglio del mondo PA tenendo conto dei fabbisogni e delle sfide del mondo B2B. Un software completamente italiano sviluppato con l’aiuto di un CPO. L’e-procurement che hai in testa è il motto di questa nuova piattaforma, infatti, è interamente personabilizzabile ed è adatta e si adatta al ciclo acquisti di tutte le realtà aziendali.

La piattaforma copre tutte le fasi del ciclo acquisti:

  • Gestione dei fornitori: possibilità di gestire e qualificare attuali e potenziali fornitori secondo i paramentri imposti dalla azienda. Completano questo modulo la funzione di scouting, per cui grazie all’utilizzo di alcune banche dati nazionali o internazionali è possibile trovare i fornitori ideali.
  • Market Place pre definito, in cui è possibile fare acquisti da fornitori selezionati a prezzi pre-negoziati con un’esperienza simile a quella di un e-commerce
  • Gestione degli acquisti: Possibilità di definire una RdO in pochi click e inviarla ad un set di fornitori. Dall’esperienza di studio Amica nelle PA viene inserita la possibilità di indire una gara fra diversi fornitori con tutte le accortezze previste dalla legge in materia.
  • Source to contract: emissione e verifica di contratti e fatture in modo automatico e semplice

Completano la piattaforma dei report puntuali con i principali KPI impostati dall’ufficio acquisti e la possibilità di integrare la piattaforma con i differenti gestionali aziendali.

3 Modi in cui CPO Rules ti consente di ridurre i costi

1. Riduzione della spesa Maverick

L’utilizzo di una piattaforma di e-procurement con un marketplace pre-configurato garantisce un maggiore controllo della spesa e riduce gli sprechi derivanti da questi costi.

Il marketplace di CPO Rules, ad esempio, è sviluppato come un e-commerce, consentendo di acquistare a prezzi pre-negoziati in pochi semplici click. Ogni utilizzatore della piattaforma ha diversi livelli di accesso, quindi, potrà vedere solo il catalogo di fornitura configurato per la sua mansione e potrà effettuando solo acquisti relativi alla sua area di competenza e a prezzi già definiti.

2. Risparmio sul costo totale di fornitura

CPO Rules garantisce l’opportunità di consultare delle banche dati nazionali o internazionali facendo così scouting di nuovi fornitori sulla base dei parametri impostati dall’azienda, tra cui il prezzo di acquisto.

Vale lo stesso principio di risparmio se viene ad esempio utilizzata la funzione di asta al ribasso, ovvero, in questo modo si apre una gara completamente automatizzata e gestita dal software che aggiudica la fornitura al vincitore cha ha definito un’offerta che incontra le specifiche delineate dall’ufficio acquisti.

3. Verifica costante delle base fornitori e monitoraggio dei rinnovi contrattuali

La definizione di un Albo di gestione dei fornitori ed il monitoraggio dei rinnovi contrattuali sono, per gli uffici acquisti, attività complesse ma in grado di generare un importante valore aggiunto. La gestione dei fornitori ed il monitoraggio delle loro performance, mediante adeguati strumenti di vendor rating, favoriscono una semplificazione nel processo di approvvigionamento riducendo i rischi derivanti da potenziali forniture non conformi.

Ugualmente, il contract management, consente di avere una visione completa ed aggiornata di tutte le scadenze contrattuali, riduce il rischio di rollover del contratto e favorisce la rinegoziazione dei prezzi di fornitura o la rotazione dei fornitori che non soddisfano pienamente i bisogni dell’ufficio acquisti.

Questi sono solo alcuni dei benefici di costo che possono derivare dall’automatizzazione dell’ufficio acquisti. Ovviamente a questi benefici vanno ad aggiungersi una migliore ottimizzazione e allocazione delle risorse con conseguente incrementi di fatturato e produttività.


Loading...